Avvertimento dovuto alla mancanza di un collegamento al sistema operativo – base legale

Già nel 2013, il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno creato, con il regolamento 524/13, un organismo trasversale all’UE per la risoluzione extragiudiziale delle controversie tra consumatori e imprenditori. A questo scopo, è stata creata una piattaforma di risoluzione delle controversie online o piattaforma OS in breve – da Valentin Schulte Volkswirt & stud. iur presso lo studio legale Dr. Thomas Schulte, Berlino.

Regolamento UE 524/13

Con questo regolamento, le istituzioni europee perseguono lo scopo di risolvere rapidamente e in modo soddisfacente per entrambe le parti le controversie tra consumatori e imprese derivanti dal commercio online di beni o servizi in tutta l’UE. Questo dovrebbe portare a una maggiore fiducia da parte dei consumatori e delle imprese nel commercio online nel mercato interno dell’UE. Analogamente alle disposizioni del § 13 del codice civile tedesco (BGB), i consumatori sono persone fisiche che concludono transazioni legali per scopi che non possono essere attribuiti alla loro attività professionale o commerciale. Così, analogamente al regolamento del § 14 BGB, gli imprenditori sono sia persone giuridiche che persone fisiche che concludono negozi giuridici per scopi che possono essere attribuiti alla loro attività commerciale. Questa classificazione dipende sempre dalla situazione, cioè la stessa persona fisica può essere sia un consumatore che un imprenditore in situazioni diverse.

Gli imprenditori sono soggetti a obblighi speciali che mirano a proteggere i consumatori

Per questa mediazione tra consumatori e imprenditori – come descritto sopra – è stata creata la piattaforma ODR, che può essere raggiunta al seguente link:

https://ec.europa.eu/consumers/odr/main/index.cfm?event=main.home.chooseLanguage

Questa piattaforma offre ai consumatori e anche agli imprenditori la possibilità di rivolgersi al servizio di risoluzione delle controversie online in caso di problemi, che poi agisce come mediatore o, se non c’è la volontà di parlare, media a ulteriori servizi di risoluzione delle controversie, che risolvono la controversia con una loro decisione di compromesso. In pratica, questo ora assomiglia a questo: Se un cittadino italiano ordina un orologio a cucù da un rivenditore tedesco online e non è soddisfatto della qualità dell’orologio, può rivolgersi all’ufficio OS per discutere la questione con il rivenditore e, se necessario, trovare una soluzione. Se entrambe le parti non trovano una soluzione accettabile, la controversia sarà trasmessa a un altro collegio arbitrale, che deciderà sui fatti del caso e farà una proposta di arbitrato. Questa proposta non è vincolante, ma può essere accettata dalle parti e quindi diventare vincolante.

Avviso ricevuto a causa di un collegamento OS mancante?

Valentin Markus Schulte / Studio legale Dr. Thomas SchulteL’articolo 14 I 1 & 2 del regolamento 524/2013 stabilisce che i commercianti hanno l’obbligo di includere il link alla piattaforma ODR sul proprio sito web. Dice letteralmente: „I commercianti stabiliti nell’Unione che concludono contratti di vendita online e i mercati online stabiliti nell’Unione mettono un link alla piattaforma ODR sul loro sito web. Questo link deve essere facilmente accessibile ai consumatori“. Facilmente accessibile in questo contesto significa che il link deve essere incorporato come un collegamento ipertestuale sul sito web. Se un utente ora clicca su questo link, sarà automaticamente reindirizzato alla piattaforma ODR.

Se questo link non è fornito dall’imprenditore in modo cliccabile, l’imprenditore si comporta in modo anticoncorrenziale secondo le dichiarazioni del Tribunale Regionale Superiore di Hamm (decisione del 03.08.2017 – 4 U 50/17). Ai sensi delle sezioni 8, 3a UWG (Unfair Competition Act), questo comportamento anticoncorrenziale dà luogo a una richiesta di provvedimenti ingiuntivi e di rimozione da parte dei concorrenti, che possono farlo valere con l’aiuto di una diffida. Secondo il § 12 I 2 UWG, le spese legali risultanti devono essere rimborsate dalla persona che ha emesso l’avviso alla persona che ha emesso l’avviso. Qui possono sorgere regolarmente costi fino a 1.000€ o più.

Anche se gli avvertimenti dovuti a un collegamento OS mancante sono diminuiti in passato, il che è dovuto da un lato all’inasprimento del diritto di emettere un avvertimento, ma anche al divario temporale tra l’entrata in vigore del regolamento e il relativo adattamento continuo dei propri siti web da parte degli imprenditori, le aziende cadono ancora oggi in questa trappola. Le giovani aziende in particolare sono colpite da questo, per cui è consigliabile far controllare legalmente il proprio sito web da un avvocato prima di lanciarlo. Nella maggior parte dei casi questo è più economico che essere avvertiti e il denaro risparmiato qui può essere investito più sensatamente nell’ulteriore sviluppo del proprio prodotto.

V.i.S.d.P.:

Valentin Markus Schulte
Economista, stud. iur

Contatto:
Studio legale Dr. Thomas Schulte
Malteserstrasse 170
12277 Berlino
Telefono: +49 30 221922020
E-Mail: valentin.schulte@dr-schulte.de

Il Kanzlei Dr. Schulte di avvocati è con successo civile-giuridico dal 1995 con enfasi nella zona di Internet, Reputazioni- e concorrenza diritto attivo. Rappresenta ampiamente gli interessi dei singoli investitori. Integrando i dati del mittente con il Kanzleistandort si trova nell’impronta sul lato Internet www.dr-schulte.de.

PRESSEKONTAKT

Dr. Schulte Rechtsanwalt
Dr. Thomas Schulte

Malteserstrasse 170
12277 Berlin

Website: https://www.dr-schulte.de
E-Mail : dr.schulte@dr-schulte.de
Telefon: 030 22 19 220 20
Telefax: 030 22 19 220 21

Print Friendly, PDF & Email